Lovelist
Lovelist
La tua lovelist è vuota: esprimi un desiderio!
LOVELIST
IL TUO CARRELLO
Il tuo carrello è vuoto: inizia lo shopping!
VEDI IL CARRELLO
PIANOPRIMO
Zanotta e Steve Jobs, una vita nel futuro
top banner arrow
Tempo di lettura
5 Minuti

Zanotta e Steve Jobs, una vita nel futuro

La tua visione imprenditoriale, Steve, ricorda da vicino quella di Aurelio Zanotta. Un visionario che, come te, credeva nella bellezza della semplicità e soprattutto nell’innovazione a tutto tondo. Rileggendo alcune delle vostre riflessioni, sembra quasi di abbeverarsi alla stessa fonte. Ricordi ad esempio quando incalzavi commercianti e industriali ad arricchire le vite dei clienti, a renderle migliori e più felici? Il tuo pensiero era cristallino:

Non puoi semplicemente chiedere ai consumatori cosa vogliono e poi provare a darglielo. Non appena l’avrai costruito, loro vorranno qualcosa di nuovo.
Steve Jobs

Aurelio Zanotta, il fondatore dell’azienda che, proprio come una figlia, ha preso il suo cognome, era, anni prima di te, della tua stessa opinione: 

Credo che l’industria dell’arredamento debba continuare a sforzarsi per anticipare bisogni futuri non limitandosi a soddisfare la domanda passiva del pubblico. Dobbiamo presentare al pubblico una produzione con precise funzioni ma che abbia qualità innovative ed emotive.
Aurelio Zanotta, Design Conference, Aspen 1989

A te che hai cambiato la vita delle persone, rivoluzionando il modo di comunicare, navigare su internet o ascoltare la musica, quest’idea del padre di Zanotta è affine. Hai partecipato alla Design Conference di Aspen nel 1981, otto anni prima del celebre intervento di Aurelio, facendo tuo un principio che poi guidò i tuoi progetti assieme all’amore per il minimalismo giapponese: la semplicità funzionale del design made in Italy. 

Sedia Lia in tessuto
Appendiabiti Sciangai in faggio
Libreria Joy con 5 ripiani
Tavolo quadrato Quaderna
Poltrona Gilda in tessuto
Letto matrimoniale a baldacchino Milleunanotte in stoffa

Zanotta e Steve Jobs, tra innovazione e cultura del design

Hai sempre amato il design italiano, e Zanotta è un araldo del made in Italy. Un’azienda capace di coniugare profitto e cultura in un circolo virtuoso in cui il primo finanzia la seconda: un binomio simboleggiato dai due punti del logo. 

Mi era chiaro che il ruolo dell’industriale poteva essere più incisivo se riusciva, attraverso la propria produzione, anche a offrire al pubblico gli strumenti per crescere culturalmente […] Significa dare spazio alla ricerca, intesa in tutte le sue componenti: estetiche, formali, tecnologiche, sociologiche oltre che di mercato.
Aurelio Zanotta

Rischiare facendo cose nuove: rinvigoriti dal boom economico e da un approccio entusiasta e spontaneo all’industria, gli anni ’50 in Italia, quelli del lancio di Zanotta, sembrano simili agli anni ’80 in America, quelli del successo del Mac e del mouse. 

È impresa ardua condensare la cifra stilistica di un’azienda nata un anno prima di te, che conta in catalogo oltre 500 progetti e più di 100 premi, tra cui tre Compasso d’Oro. Pensa però che negli anni ’70 Zanotta entra nel guinness dei primati con il tavolo Marcuso di Marco Zanuso, introducendo nel settore dell'arredamento la saldatura diretta del cristallo al nottolino in acciaio, mutuata dall'industria automobilistica. All’ultimo Salone del Mobile il tavolo è tornato protagonista nella finitura col piano rivestito in cemento. 

Come tu hai cambiato la rotta di svariati settori dell’industria, non da ultimo quella musicale, Zanotta ha tracciato il suo varco nella storia del design. Hai un divano sfoderabile a casa? È merito suo. 

È osservando i rivestimenti sfoderabili dei poggiatesta sugli aerei che mio zio ha avuto l’intuizione, e ha reso sfoderabili anche i divani.
Marta Zanotta

Tavolo quadrato Marcuso
Specchio Milo
Tavolo Orione

Cos’è il design?

Se la tecnologia può essere di design, il design deve essere tecnologico. E anche semplice, durevole, sostenibile, emozionante. Lo è Sacco, una seduta destrutturata e accogliente come un abbraccio, ispirata niente di meno che ai contadini e ai loro materassi pieni di foglie: come i tuoi computer, è stato esposto al MoMa ed è figlio dell’anticonformismo. 

Non cerco oggetti che fanno 'moda' perché penso che la moda sia conformismo e il conformismo dal mio punto di vista appartiene già al passato.
Aurelio Zanotta

Aurelio Zanotta aveva un'autentica propensione per la sperimentazione e gli oggetti insoliti e dirompenti. Lo è anche lo sgabello Mezzadro di Achille e Pier Giacomo Castiglioni, ancora oggi protagonista al Salone assieme a una riedizione di Albero e alla versione alta del Servomuto. Omaggio ad Achille Castiglioni, maestro del made in Italy, che esattamente come te era un attento osservatore, interessato al modo in cui le cose funzionavano e sostenitore della semplicità. 

Il design non è come sembra o come appare. Il design è come funziona.
Steve Jobs
Sgabello Mezzadro
Pouf Sacco grande
Tavolino Servomuto con piano reversibile
Sgabello Sella
Poltroncina girevole Eva in tessuto
Appendiabiti Servonotte
PRODOTTI CITATI NELL'ARTICOLO
CONDIVIDI
Vedi nello shop
Go up Torna su
Servizio Clienti Dedicato

Hai dubbi o domande? Contattaci!
Tel 02.94755933
Lun-Ven 09-13 | 14-18
customercare@lovethesign.com

Prodotti 100% Originali

Selezioniamo i migliori brand di design e lavoriamo fianco a fianco con loro. Perché? Per garantirvi prodotti 100% originali e una qualità certificata due volte, da loro e da noi.

Soddisfatti o Rimborsati

Offriamo le spese di consegna per ordini sopra i 150 euro*. E se non sei soddisfatto, fare un reso è davvero facile. *soggetta a condizioni, consulta le FAQ per maggiori dettagli.

Pagamenti Sicuri
Payments