Lovelist
Lovelist
La tua lovelist è vuota: esprimi un desiderio!
LOVELIST
IL TUO CARRELLO
Il tuo carrello è vuoto: inizia lo shopping!
VEDI IL CARRELLO
PIANOPRIMO
Bonus Mobili 2021: scopri i benefici fiscali per acquistare il meglio del design per la casa
top banner arrow
Tempo di lettura
5 Minuti

Bonus Mobili 2021: scopri i benefici fiscali per acquistare il meglio del design per la casa

Con i commi 58-60 dell’articolo 1, la Legge di Bilancio ha confermato la proroga del Bonus Mobili anche per il 2021, introducendo un’interessante novità riguardo il limite di spesa: il tetto massimo dell’importo detraibile passa da 10.000 a 16.000 euro.

Le condizioni, la tipologia di spese ammesse e i requisiti per accedere al beneficio fiscale rimangono invece inalterati, soprattutto per ciò che riguarda il requisito chiave, che vede legittimato a richiedere la detrazione fiscale del 50% solo chi effettua determinati lavori di ristrutturazione edilizia sull’abitazione oggetto dell’acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici.

Bonus Mobili 2021: come funziona e quali sono i requisiti per ottenere l’agevolazione fiscale

La detrazione IRPEF del 50% per il relooking degli ambienti domestici si concretizza solo se le spese per l’acquisto dei nuovi arredi e degli elettrodomestici ad alta efficienza energetica (classe non inferiore alla A+, ad eccezione dei forni, per i quali è ammessa anche la classe A) si inseriscono all’interno del piano di incentivi fiscali previsti per le ristrutturazioni delle unità abitative.

In altri termini, il Bonus Mobili non è un’agevolazione a sé stante, ma viaggia a braccetto con i bonus relativi alle ristrutturazioni edilizie.

Ecco il nodo centrale: hanno diritto alla detrazione solo i contribuenti che cambiano gli arredi e/o gli elettrodomestici di un immobile sottoposto a lavori di ristrutturazione edilizia che non siano iniziati prima del 1° gennaio 2020.

Non a caso, uno dei requisiti per accedere al Bonus Mobili riguarda la data di inizio dei lavori di ristrutturazione, che deve necessariamente essere antecedente a quella dell’acquisto delnuovo arredamento di casa.

Se il tetto massimo di spesa è stato innalzato a 16.000 euro ad unità abitativa, rimane invece invariata la modalità di recupero dei soldi spesi per il nuovo mobilio. Vige ancora l’onere di richiedere la detrazione nella dichiarazione dei redditi: Il 50% della spesa sostenuta verrà recuperata dal contribuente in dieci quote annuali di pari importo.

Bonus Mobili 2021: come rinnovare l’arredamento di casa e recuperare il 50% della spesa

Come accennato, la detrazione IRPEF del 50% potrà essere richiesta dai contribuenti aventi diritto fino ad un massimo di 16.000 euro per l’acquisto di nuovi mobili e grandi elettrodomestici.

Chi sta pensando di ristrutturare casa, potrebbe dunque cogliere questo momento propizio per abbinare al rifacimento impiantistico e strutturale anche un cambio di look in chiave di mobili e arredi.

Lo sgravio fiscale riguarda l’acquisto di svariati elementi d’arredo: cucine, poltrone, divani, letti, materassi, armadi, cassettiere, comodini, credenze, scrivanie, librerie, tavoli, sedie, lampade.

Molti anche gli elettrodomestici che rientrano nell’elenco degli acquisiti detraibili al 50%: frigorifero/congelatore, lavatrice/asciugatrice, lavastoviglie, forni tradizionali e forni a microonde, ma anche apparecchi elettrici di riscaldamento (stufe, radiatori), ventilatori e condizionatori d’aria.

Perché non approfittare del beneficio fiscale per regalare alla propria casa una veste tutta nuova?

A quali lavori di ristrutturazione si “aggancia” il Bonus Mobili 2021?

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito anche quali sono i lavori di ristrutturazione cui è legato il Bonus Mobili:

  • Manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e interventi di ristrutturazione edilizia sulle singole unità abitative (villette private e abitazioni non inserite in contesti condominiali)
  • Manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia su parti comuni del condominio
  • Restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile
  • Ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, a patto che nella zona di riferimento sia stato dichiarato lo stato di emergenza

Non danno invece diritto al Bonus i lavori di manutenzione ordinaria sui singoli appartamenti: per intenderci, non basta ritinteggiare le pareti o sostituire gli infissi per richiedere le agevolazioni per l’acquisto dei mobili nuovi.

L’altro importante requisito per accedere al beneficio fiscale riguarda la modalità di acquisto dei mobili e degli elettrodomestici, che dovrà avvenire tramite bonifico parlante o altri strumenti di pagamento tracciabili (carta di debito o carta di credito).

Nessuna agevolazione invece per chi acquista in contanti, con assegni o altri mezzi di pagamento.

Tempo di lettura
5 Minuti
VEDI NELLO SHOP
CONDIVIDI
CONDIVIDI
Vedi nello shop
Go up Torna su