Lovelist
Lovelist
La tua lovelist è vuota: esprimi un desiderio!
LOVELIST
IL TUO CARRELLO
Il tuo carrello è vuoto: inizia lo shopping!
VEDI IL CARRELLO
PIANOPRIMO
Arte artificiale: cosa esporremo in casa tra dieci anni?
top banner arrow
Tempo di lettura
4 Minuti

Arte artificiale: cosa esporremo in casa tra dieci anni?

Forse tra dieci anni avremo tutti appeso in soggiorno un quadro generato da computer connessi tra di loro come fossero vere reti neurali. La chiameremo Arte Artificiale.

Ma cos’è di preciso, oggi, l’arte artificiale?

In senso stretto, l’arte artificiale indica l’automatizzazione del processo artistico. Cioè? Contenuti generati da una AI, un’intelligenza artificiale. Cioè? Un’opera fatta da uno o più computer, senza l’intervento umano. Davvero? Sì.

Ma qualcuno preme il tasto crea? Certo. E qualcuno lo ha programmato? Sicuramente. Allora non è solo. È vero, ma c’è sempre stato qualcuno che commissionava le opere, altri che creavano i pennelli e intere accademie che insegnavano a disegnare. Quindi, tutto sommato, un po’ di merito va all’artista. Anche se è artificiale. O no?

Tutto ebbe inizio con il Turco Meccanico

La storia di macchine che illudono di essere intelligenti è lunga. Il Turco Meccanico, conosciuto anche come il Turco, era un finto automa capace di giocare a scacchi. L’antesignano delle AI. Fu creato nel 1769 per Maria Teresa d’Austria, quando l’esotismo era in gran voga: il Turco era chiamato così perché era vestito con abiti in stile ottomano. L’occhio vuole sempre la sua parte.

Il Turco era meccanicamente collegato a una grande scatola di legno con sopra una scacchiera. Dentro la scatola - dove in apparenza c’erano solo meccanismi - si nascondeva una persona. La personcina lì celata vedeva le mosse sulla scacchiera grazie a dei magneti e, con un sistema di leve, poteva muovere le braccia del falso automa – del Turco – per spostare le pedine. Affascinò anche Edgar Allan Poe. E finì bruciato in un incendio a Filadelfia, 5 luglio 1854.

Poster Inspiring Architect's Words
Poster In Bauhaus we Trust
Poster Play with the masters of Architecture

Perché si finisce sempre a parlare di Amazon

Oggi il Turco Meccanico è una piattaforma online di Amazon a cui si possono assegnare delle mansioni: saranno eseguite non da un sistema informatico, ma da migliaia di lavoratori umani delocalizzati in tutto il mondo. Il trucco è lo stesso: all’apparenza una macchina, in sostanza un uomo. Perché ne parliamo? Perché è il Turco Meccanico che ha dato vita alla prima mostra d’arte artificiale: degli anonimi umani rispondevano ai compiti assegnati loro da un artistico algoritmo. Inquietante, forse. 

In ogni caso la voglia (demiurgica) di far compiere a delle macchine un gesto umano complesso non ha mai perso la sua attrattiva. Una partita a scacchi ieri, un’opera d’arte oggi. Ma cosa, oltre alla curiosità, fa sviluppare oggi l’arte artificiale? È all’incirca la stessa ragione che dà vita allo sviluppo delle AI: capire le reti neurali facendole lavorare. 

Prendiamo Deep Dream di Google

Deep Dream usa una rete neurale artificiale – computer che si scambiano dati per imitare il funzionamento del cervello umano – per cercare degli schemi, delle forme, nelle immagini e poi metterle in evidenza all’interno dell’immagine stessa. Il risultato? Strane opere d’arte provenienti direttamente dal mondo della fantasia artificiale. O, meglio, dai suoi incubi. Incubi artificiali.

Stampa Koala Zoo Portraits
Stampa Bunny Zoo Portraits
Stampa Chimpanzee Zoo Portraits
Stampa Exotic Short Hair Cat
Stampa Pig Zoo Portraits
Stampa Ostrich Zoo Portraits

Ma queste opere non sono il fine delle ricerche sponsorizzate da Google. Lo scopo è capire il funzionamento delle reti neurali artificiali. L’arte per comprendere come ragiona un computer che, grazie al deep learning, sta imparando da sé a riconoscere le immagini e, soprattutto, a produrne di nuove. Impara l'arte e mettila da parte.

Il futuro sulle pareti di casa 

Di fatto, escluse le AI tese a modificare le immagini esistenti, escluse quelle che imitano stili di pittori famosi ed escluse quelle che riconoscono un legame di qualsiasi tipo tra immagini tra loro diverse come Recognition – tutte assolutamente sorprendenti – sono ancora poche le AI che creano qualcosa di davvero nuovo. Una vera forma di arte artificiale, termine di per sé ridondante.

RecognitionRecognition

Restano così molte domande. Quale sarà la prima opera digitale a essere messa all’asta? Quale AI sarà chiamata per prima a fare una personale? Chi saranno i critici dell’arte artificiale: esseri umani o reti neurali artificiali? E soprattutto: cosa appenderemo alle pareti di casa quando arriverà quel momento?

Stampa con cornice Santa Claus 80x80 cm
Stampa Stay Wild
Stampa Do More
PRODOTTI CITATI NELL'ARTICOLO
Tempo di lettura
4 Minuti
VEDI NELLO SHOP
CONDIVIDI
CONDIVIDI
Vedi nello shop
Go up Torna su
Servizio Clienti Dedicato

Hai dubbi o domande? Contattaci!
Tel 02.94755933
Lun-Ven 09-13 | 14-18
customercare@lovethesign.com

Prodotti 100% Originali

Selezioniamo i migliori brand di design e lavoriamo fianco a fianco con loro. Perché? Per garantirvi prodotti 100% originali e una qualità certificata due volte, da loro e da noi.

Soddisfatti o Rimborsati

Offriamo un servizio affidabile, con corrieri specializzati, e paghiamo noi le spese di consegna per ogni ordine sopra i 75 euro*. E se non sei soddisfatto, fare un reso è davvero facile. *ordini voluminosi esclusi.

Pagamenti Sicuri
Payments