Lovelist
Lovelist
La tua lovelist è vuota: esprimi un desiderio!
LOVELIST
IL TUO CARRELLO
Il tuo carrello è vuoto: inizia lo shopping!
VEDI IL CARRELLO
PIANOPRIMO
50 anni dopo, Jacob Gubi: il Giovane Olsen
top banner arrow
Tempo di lettura
4 Minuti

50 anni dopo, Jacob Gubi: il Giovane Olsen

Anno 67 del secolo Ventesimo, il mondo è in fermento. Gubi Olsen ha trent’anni e vive a Copenhagen insieme a sua moglie, Lisbeth. Cinque anni prima la capitale danese era stata la prima città al mondo a decidere di pedonalizzare il centro storico: il cambiamento e la voglia di sperimentare erano nell’aria. Anche a casa Olsen.

Esattamente 50 anni fa Gubi e Lisbeth Olsen iniziano a commerciare tessili e produrre gli arredi disegnati da loro. L’idea funziona e Gubi, il marchio di design che oggi tutti conosciamo, inizia ad assumere lentamente una sua propria fisionomia. E poi arriva Jacob. 

Gubi e Lisbeth OlsenGubi e Lisbeth Olsen

Jacob Gubi: il Giovane Olsen

Jacob Gubi Olsen è il figlio della coppia destinato a prendere in mano e – a lasciare il suo segno – in Gubi. Inizia come si inizia sempre nelle imprese familiari: affiancando il padre. Ma non abbandona mai lo spirito controcorrente da giovane Holden deciso a fare le cose a modo suo, senza sentire il bisogno di invecchiare per fare scelte importanti e diventare saggio.

I miei genitori portavano con sé una forte eredità danese. Ma mio nonno era un pittore e in casa eravamo circondati da ogni tipo di maschere e figure africane, acquerelli giapponesi e opere italiane e marocchine. Così ho iniziato a pensare che sarebbe stato interessante inserire nell’equazione un’influenza estetica che arrivasse da più lontano.
Jacob Gubi
Jacob Gubi OlsenJacob Gubi Olsen

Jacob non ha pace, si guarda attorno: il primo segno lo lascia importando Prada e Helmut Lang in Danimarca, in anticipo su tutti gli altri. Per poi tornare a concentrarsi totalmente sull’impresa familiare, iniziando, nel 2001, a cercare collaborazioni e ispirazioni per il futuro di Gubi. Le sue prime collezioni.

Lampada a sospensione Semi piccola colorata
Lampada a sospensione Semi grande colorata
Lampada a sospensione Semi grande

Una storia che procede a ritroso

Questa storia inizia nel 1967 ma procede a ritroso: va avanti tornando agli anni Cinquanta di Greta Grossman, Francisco Juan Barba Corsini, Jacques Adnet e Mathieu Matégot, agli anni Trenta del Bauhaus inglese di Robert Dudley Best, senza abbandonare la passione di Gubi padre per un Napoleone Bonaparte filtrato dalle nuove prospettive del cinema d’autore francese.

Bestilite by GubiBestilite by Gubi
Perché volse veder troppo davante,
di retro guarda e fa retroso calle.
Dante Alighieri

Ma non è successo questo, per fortuna, a Gubi. Il marchio danese si proietta nel futuro riportando in commercio la lampada Grasshopper, la serie da tredici pezzi Bestlite e molte altre intramontabili icone. Lost and found, dicono loro: giocare a sfocare le linee di confine tra passato e presente, tra presente e futuro. Viaggiare, studiare i posti dove cercare e trovare oggetti e ispirazioni ormai dimenticati e dettagli contemporanei che svelano un piccolo pezzo di futuro. E poi arriva la prima icona completamente pensata in casa.

Grasshopper by GubiGrasshopper by Gubi
Lampada da terra Gräshoppa
Lampada a sospensione Gräshoppa
Lampada da terra Gräshoppa express

Le intuizioni che danno vita alle icone

La prima volta che mi sono trovato faccia a faccia con l’idea della Gubi Chair, avevo di fronte a me solo una miniatura, realizzata a mano, del suo guscio. Ma per me era abbastanza per vedere il suo potenziale di instant classic.
Jacob Gubi

Jacob si era rivolto a Boris Berlin e Poul Christiansen, fondatori di Komplot Design. Poul portava con se maturata in Ib & Jørgen Rasmussen, Boris era un russo che lavorava più come uno scienziato, racconta Jacob: aveva appreso l’arte della fotografia e la sola passione per il gesto di creare qualcosa di nuovo l’aveva condotto al design, a Poul. 

Gubi ChairGubi Chair

L’architettura, la scienza e l’influenza del modernismo: così nasce la peculiare forma della Gubi Chair realizzata grazie alle nuove possibilità tecniche date dal 3D Veneer del legno. E così finisce nella collezione permanente del MoMA e porta Gubi sul proscenio internazionale dell’home design. E nelle case di tutto il mondo, grazie alle successive collaborazioni con nuove firme del design, come GamFratesi, Henning Larsen e Paul Leroy.

Lampada da tavolo Gräshoppa Task
Lampada da terra Bestlite Brass
Lampada da tavolo Bestlite in ottone
PRODOTTI CITATI NELL'ARTICOLO
Tempo di lettura
4 Minuti
VEDI NELLO SHOP
CONDIVIDI
CONDIVIDI
Vedi nello shop
Go up Torna su
Servizio Clienti Dedicato

Hai dubbi o domande? Contattaci!
Tel 02.94755933
Lun-Ven 09-13 | 14-18
customercare@lovethesign.com

Prodotti 100% Originali

Selezioniamo i migliori brand di design e lavoriamo fianco a fianco con loro. Perché? Per garantirvi prodotti 100% originali e una qualità certificata due volte, da loro e da noi.

Soddisfatti o Rimborsati

Offriamo un servizio affidabile, con corrieri specializzati, e paghiamo noi le spese di consegna per ogni ordine sopra i 75 euro*. E se non sei soddisfatto, fare un reso è davvero facile. *ordini voluminosi esclusi.

Pagamenti Sicuri
Payments