Lovelist
Lovelist
La tua lovelist è vuota: esprimi un desiderio!
LOVELIST
IL TUO CARRELLO
Il tuo carrello è vuoto: inizia lo shopping!
VEDI IL CARRELLO
PIANOPRIMO
Da qualche parte bisogna pur iniziare: i buchi nell’acqua di 4 archistar
top banner arrow
Tempo di lettura
5 Minuti

Da qualche parte bisogna pur iniziare: i buchi nell’acqua di 4 archistar

Buona la prima, si dice, ma nel caso di questi quattro architetti non è andata esattamente così. Allora riproviamo: da qualche parte bisogna pure iniziare. Meglio, decisamente meglio. 

Forse è consolante sapereche nessuno ha mai realizzato il progetto perfetto al primo colpo, nemmeno chi ha poi continuato a costruire e ne ha fatto una carriera piena di successi. Nonostante gli inizi faticosi, questi architetti non si sono arresi: impara da loro la perseveranza e ad ammettere gli errori. 

Certo, se poi non ne sei proprio convinto, puoi sempre far intervenire un paio di bulldozer. 

Ci ho ripensato: Alvar Aalto

Designer e architetto, tra i più importanti fautori ed esempi del gusto scandinavo, Alvar Aalto ha iniziato la sua carriera nell’architettura sistemando… la casa dei genitori. 

Mentre era ancora uno studente, nel 1918, decise di rinnovare un cottage nella cittadina di Alajärvi. Ne sistemò gli spazi interni, ma è in un’aggiunta esterna che espresse il primo distacco dalle norme dell’architettura classica. Come copertura per la veranda, realizzò un frontone supportato da colonne che mantenne arretrate rispetto alla cornice, con un effetto a sbalzo molto pronunciato. 

Purtroppo, di questo primo progetto non rimangono né prove fotografiche né bozzetti preparatori. La casa fu demolita nel 1950, quando, per poter attivare un cantiere, la città di Alajärvi chiese il permesso di spostare il cottage in un altro punto per preservarlo. Aalto, invece, appoggiò lo smantellamento - una vera e propria damnatio memoriae. Sarà stata così brutta?

Set regalo Alvar Aalto
Vaso Alvar Aalto H 25 cm
Vaso Alvar Aalto H 25,5 cm

Affari di famiglia: Frank Lloyd Wright

Anche il grande architetto americano Frank Lloyd Wright ha iniziato costruendo una casa - la sua. 

Ammetto che, come giovane marito, ero più interessato alla casa che a mia moglie.
Frank Lloyd Wright

A 22 anni, senza una laurea, firmò un contratto quinquennale con lo studio di Louis Sullivan. Al proprio superiore fece subito una richiesta: un prestito di 5000 dollari per poter metter su casa con la moglie. 

Nel senso che decise di realizzarla da zero, senza mai averne fatte prima. Scelse la zona di Oak Park, appena fuori Chicago, e comprò un appezzamento all’incrocio tra due strade. Qui innalzò una casa dai volumi strani, rivestita in scandole e con un tetto molto spiovente che sembrava sospeso oltre l’appoggio, proprio come nel cottage degli Aalto. 

Un lavoro lontanissimo dal gusto poi iconico di Wright, e uno spazio a cui non smise mai di mettere mano, su cui concentrò le sue attenzioni e che riempì con sei bambini.

Vuoi scoprire di più sulla vita di Frank Lloyd Wright?
Leggi L’architetto che non voleva abitare da nessuna parte

Una commissione misteriosa: Louis Khan 

Non si sa come Kahn abbia ottenuto il progetto, non c’è un documento ufficiale che attesti la commissione, non esistono fotografie che ne immortalino la realizzazione prima di alcuni interventi di manutenzione. 

Il primo lavoro dell’architetto Louis Kahn potrebbe tranquillamente figurare in un libro di gialli.

Si tratta della sinagoga Ahavath Israel, realizzata per le comunità dell’est Europa di un quartiere a nord di Philadelphia, città dove a soli cinque anni era emigrato Kahn con la sua famiglia estone. 

È il primo lavoro che Louis Kahn realizza completamente da solo: il progetto del luogo di culto si concretizza (sic) in un severo parallelepipedo di mattoni dal sapore industriale, privo di qualsiasi ornamento, a parte qualche finestra che si apre qua e là. L’unica cosa certa? Un budget ridottissimo. Si fa quel che si può. 

Tavolino con ruote quadrato
Set di posate Aulenti Flatware
Sedia pieghevole April
Lampada da tavolo Serena rame
Poltroncina Clover
Lampadario Chasen

Un favore al professore: Le Corbusier

Per fortuna il primo progetto di Le Corbusier è nascosto da qualche parte sulle Alpi Svizzere: non credo ne andasse molto fiero. 

#raccomandato#raccomandato

Uno dei suoiprofessori, L'Eplattenier, suggerì al collega Louis-Edouard Fallet, che aveva espresso il desiderio di una casa-rifugio sulle montagne, di rivolgersi al diciassettenne Jeanneret (che sarebbe più avanti diventato Le Corbusier) per la realizzazione del progetto.

In coppia con Chapallaz, che aveva da poco aperto uno studio a Chaux-de-Fonds, Jeanneret si dedicò alla costruzione della casa. L’idea era sua (anche la decorazione policroma esterna che dovrebbe richiamare… le pigne), la cura dei lavori era sua, coinvolse i compagni di studi per realizzare gli ornamenti interni - ma non venne pagato neanche un franco da Chapallaz, che intascò la commissione. Ahia.

Un brutto libro si può non leggere; una brutta musica si può non ascoltare; ma il brutto condominio che abbiamo di fronte a casa lo vediamo per forza.
Renzo Piano

Poltrona Gilda in tessuto
Scrivania Cavour
Specchio Milo
Lampada da tavolo Dalù
Lampada da terra Belvedere Round 1 110°
Lampada da terra Tolomeo Mega Led
PRODOTTI CITATI NELL'ARTICOLO
CONDIVIDI
Vedi nello shop
Go up Torna su
Servizio Clienti Dedicato

Hai dubbi o domande? Contattaci!
Tel 02.94755933
Lun-Ven 09-13 | 14-18
customercare@lovethesign.com

Prodotti 100% Originali

Selezioniamo i migliori brand di design e lavoriamo fianco a fianco con loro. Perché? Per garantirvi prodotti 100% originali e una qualità certificata due volte, da loro e da noi.

Soddisfatti o Rimborsati

Offriamo un servizio affidabile, con corrieri specializzati, e paghiamo noi le spese di consegna per ogni ordine sopra i 75 euro*. E se non sei soddisfatto, fare un reso è davvero facile. *ordini voluminosi esclusi.

Pagamenti Sicuri
Payments